Archivi categoria: News

A che gioco giochiamo. Riflessioni cinematografiche sul gioco del mondo

L’Associazione Terra con il Circolo del Cinema FICC Laboratorio 28 organizzano la rassegna cinematografica “A che gioco giochiamo“, proiezioni e incontri sul tema del gioco, in programma a Cagliari da novembre 2016 a marzo 2017.

 

La rassegna intende riflettere sul tema del gioco secondo la ripartizione dei giochi del sociologo francese Roger Caillois, che vede uomini e donne vivere quattro modalità fondamentali di gioco: agon (la sfida), alea (il caso), mimicry (mimetismo e travestimento), ilinx (vertigine). Il filo della rassegna si snoda attraverso la proiezione di film a soggetto e documentari, tradizionalmente legati al tema della sfida e della competizione (California poker di R. Altman o il distopico Rollerball di N. Jewison) o del gioco psicologico (La casa dei giochi di D. Mamet), e film apparentemente lontani dal tema ma riletti in una nuova prospettiva (Il capitale umano di P. Virzì; Il portiere di notte di L. Cavani). Saranno approfondite le questioni legate al travestimento, inteso come scelta o gioco performativo sul genere (Tomboy di C. Sciamma) o  come momento di incontro e conoscenza tra classi sociali differenti (6 gradi di separazione di F. Schepisi). La rassegna si concluderà con la vertigine del gioco al massacro “senza contatto” di Good kill, di A. Niccol.

Ai film in programma si affiancheranno discussioni e incontri pubblici con Salvatore Fanni, Mariano Tomatis, Federico Zappino e seminari con il collettivo ippolita ed Enrico Euli.

L’Associazione Terra curerà in particolare le attività formative del progetto, così articolate:

  • un incontro sul tema “Sgamificazione e autodifesa digitale” con il collettivo di ricerca interdisciplinare ippolita;
  • due laboratori di formazione, su “Progettare il gioco, de-costruire la dipendenza” (a cura del collettivo ippolita) e “Prendersi in gioco. Alla (ri)scoperta pratica della cultura del gioco” a cura di Enrico Euli.

Le attività di formazione si inseriscono nell’ambito dell’interesse dell’Associazione Terra al tema del rapporto tra uomo e tecnologia, approfondito in passato con il progetto “Cronache dal pianeta delle tecnoscimmie“.

L’ingresso a tutte le iniziative è libero con tessera annuale 2016 del Circolo del Cinema FICC Laboratorio Ventotto. La tessera ha un costo di 5 euro; 2,50 euro per studenti e studentesse, precari/e, disoccupati/e, giovani sotto i 30 anni.

Ad ogni proiezione seguirà la discussione.

La rassegna è finanziata dalla Regione Sardegna – Assessorato ai Beni Culturali, Spettacolo e Sport (contributi per progetti di promozione della cultura cinematografica – art. 15 della L.R. 20 settembre 2006, n. 15 “norme per lo sviluppo del cinema in Sardegna” anno 2016). 

“Rojava: costruire la pace nel Kurdistan siriano”. Incontro con Selene Verri, giornalista internazionale

Venerdì 22 gennaio, alle 18.30, in Via Montesanto, 28, a Cagliari, nell’ambito della rassegna cinematografica “Nuovomondo. Proiezioni e incontri sulle rotte dei migranti – II edizione” avrà luogo l’incontro con Selene Verri, giornalista internazionale che dal 2002 viaggia regolarmente in Kurdistan e che nell’estate del 2015 vi ha girato una serie di documentari. Converserà con Selene Verri Antonello Pabis, rappresentante della Rete Kurdistan.

Rojava- costruire la pace nel Kurdistan sirianoL’incontro è realizzato nell’ambito della rassegna cinematografica “Nuovomondo. Proiezioni e incontri sulle rotte dei migranti – II edizione“, ideata e realizzata dal Circolo del Cinema Laboratorio Ventotto e dall’Associazione Terra con il finanziamento della Regione Sardegna – Assessorato alla pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport – Contributi per la promozione della cultura cinematografica. L.R. 15/2006 – art. 15 / annualità 2015.

Chi sono i curdi? Qual è la storia del popolo che sta resistendo all’ISIS ed è riuscito a liberare Kobane dall’assedio stretto dai soldati del Daesh?

I curdi, popolo fiero e indomito, hanno combattuto per secoli per preservare la propria identità, sfidando la volontà di assimilazione di chi ha cercato di sottometterli, senza riuscirci. Con una popolazione stimata fra i 25 e i 35 milioni di abitanti, i curdi sono oggi il più grande popolo al mondo senza uno Stato. Dal 1923 si dividono fra Turchia, Iraq, Iran e Siria.

Oggi il popolo curdo è al centro dell’attualità: in Turchia si è registrato lo storico successo elettorale dell’Hdp, il partito “delle minoranze”, erede e superamento di una serie di partiti filocurdi, che è riuscito ad entrare in Parlamento, provocando la forte reazione dello Stato turco; in Iraq e in Siria sono le forze a maggioranza curda (peshmerga, Ypg e Ypj) a lottare contro l’avanzata dello Stato Islamico.

In Siria, poco dopo l’inizio della rivoluzione, nel 2012, i curdi hanno creato un’entità autonoma, il Rojava, basata su un contratto sociale estremamente avanzato dal punto di vista del rispetto dei diritti umani, delle donne e delle minoranze. La città di Kobane è stata difesa con coraggio e fierezza dai combattenti curdi e dalle combattenti curde, che hanno resistito all’assedio di Daesh, finendo con il liberarla.

Selene Verri è nata a Milano e vive a Lione, in Francia, dove collabora, tra gli altri, con il canale televisivo internazionale Euronews. Ha lavorato da free lance per Radio Popolare, Avvenire, Avvenimenti, Affari Italiani.

Dal 2002 viaggia regolarmente nel Kurdistan turco. Nel 2010 ha visitato i campi del Pkk – Partito dei Lavoratori del Kurdistan in Iraq, dove ha intervistato il leader militare Murat Karayilan; l’esperienza è stata documentata dal fotografo Giovanni Sacchetti, suo compagno di viaggio, e ha prodotto una mostra (allestita a Lione nel luglio 2014) e un libretto fotografico (Rojbaş – Bienvenue au Kurdistan). Nel 2013 ha ottenuto la menzione “Talenti emergenti” al premio Giornalisti del Mediterraneo per il reportage “Proteggere il patrimonio culturale per salvaguardare il futuro” trasmesso da Euronews.

 Selene Verri_Kobane

Rassegna cinematografica “Nuovomondo. Proiezioni e incontri sulle rotte dei migranti”: seconda edizione!

L’Associazione Terra è orgogliosamente partner del Circolo del cinema FICC Laboratorio 28 nell’ideazione e realizzazione della seconda rassegna cinematografica “Nuovomondo. Proiezioni e incontri sulle rotte dei migranti“.
La rassegna è stata inaugurata da un’anteprima nell’ambito del Festival “Approdi. Festa d’arte e comunità” lo scorso 23 ottobre: al Lazzareto, in via dei Navigatori, a Cagliari, alle 20.30, è stato proiettato il film “Aspettando la felicità” di Abderrahmane Sissako (Francia, Mauritania 2002, 95 minuti’).
Da martedì 1° dicembre la rassegna sarà ospitata negli spazi del Circolo del cinema Laboratorio 28, in via Montesanto 28, a Cagliari. Il primo appuntamento è con “La mia classe” di Daniele Gaglianone (Italia 2013, 92’).
Alla proiezione seguirà, come di consueto, la discussione del film.

cartolina A6 reale

Per tutti gli appuntamenti in programma l’ingresso è libero con tessera annuale del Circolo del Cinema FICC  Laboratorio28. La tessera ha un costo di € 5; € 2,50 per studenti e studentesse, precari/i e, disoccupati/e e giovani sotto i 30 anni.
Il percorso proposto dalla rassegna “Nuovomondo” si articola in quattro grandi sottotemi, che saranno sviluppati attraverso proiezioni e incontri: le rotte dei/delle migranti: le aspettative, il viaggio, le storie individuali; storie di arrivi, partenze, incontri; il rapporto con la terra d’origine e la possibilità di un ritorno; le seconde generazioni in Italia e in Europa.
Qui qualche informazione sulla prima edizione della rassegna.
Di seguito, il programma completo della seconda edizione.
pag2credits:
La foto della locandina della rassegna è di Alessandro Muntoni, ed è stata selezionata tra le foto partecipanti al concorso fotografico “Tutta mia la città. Sguardi su Cagliari plurale”; la grafica è di Alessandro Mosca.
Come sempre … vi aspettiamo!

L’Associazione Terra partecipa al concorso di idee “PromuoviAmo il Volontariato” di Sardegna Solidale

 

2430076149

L’Associazione Terra ha partecipato al concorso di idee “PromuoviAmo il Volontariato”, indetto dal Centro Servizi per il Volontariato Sardegna Solidale, con tre foto che rappresentano altrettanti progetti significativi attuati negli ultimi dieci anni di attività di volontariato.Duiret

– Il progetto “Altriponti” (2005) è rappresentato dalla foto “Duiret“. Il progetto ci ha visti impegnati nella realizzazione di una ricerca, una campagna di sensibilizzazione sui saperi, le politiche e l’uso dell’acqua, e nella costruzione di un “ponte” con la Tunisia.

Bambine a Lalibela

– La foto “Bambine a Lalibela” riassume l’intensa esperienza in Etiopia della nostra associazione, nell’ambito del progetto “Sekota” (2006-2008). In Etiopia la nostra associazione ha realizzato una campagna di sensibilizzazione igienico – sanitaria sull’uso dell’acqua.

_DSC3326

– La foto “Tutta mia la città. Sguardi su Cagliari plurale” racconta la festa finale del progetto “Baobab” (2013), con il quale Terra Onlus ha promosso un percorso di scambio e di dialogo sui temi dell’intercultura, della rappresentazione del “diverso”, della differenza di genere e della cittadinanza consapevole, prevenendo e contrastando la formazione di stereotipi e pregiudizi.

1759549995

Martedì 21 aprile 2015, alle ore 16,00, presso il T-Hotel, a Cagliari, ha avuto luogo la cerimonia di premiazione del concorso di idee.

 

All’associazione è andato un premio di partecipazione di 200 euro, che sarà utilizzato per finanziare i prossimi progetti di cooperazione.

Incontro con Carlo Gubitosa

Sabato 20 dicembre, alle 18.30, appuntamento conclusivo del progetto “Cronache dal pianeta delle tecnoscimmie”: incontreremo il giornalista freelance e saggista Carlo Gubitosa

Ingegnere delle telecomunicazioni, Carlo Gubitosa dal 1995 collabora con i principali periodici italiani di informazione indipendente.

s200_carlo_gubitosaHa pubblicato, tra gli altri, Elogio della Pirateria (Terre di Mezzo, 2005), Hacker, scienziati e pionieri (Stampa Alternativa, 2007), Hacking miracles (Jaico Publishing, 2011) e, con il disegnatore Giuliano Cangiano, il fumetto Ilva. Comizi d’acciaio (Becco Giallo, 2013).

A conversare con Carlo Gubitosa sarà un amico dell’Associazione Terra, Roberto Sedda.