“Rojava: costruire la pace nel Kurdistan siriano”. Incontro con Selene Verri, giornalista internazionale

Venerdì 22 gennaio, alle 18.30, in Via Montesanto, 28, a Cagliari, nell’ambito della rassegna cinematografica “Nuovomondo. Proiezioni e incontri sulle rotte dei migranti – II edizione” avrà luogo l’incontro con Selene Verri, giornalista internazionale che dal 2002 viaggia regolarmente in Kurdistan e che nell’estate del 2015 vi ha girato una serie di documentari. Converserà con Selene Verri Antonello Pabis, rappresentante della Rete Kurdistan.

Rojava- costruire la pace nel Kurdistan sirianoL’incontro è realizzato nell’ambito della rassegna cinematografica “Nuovomondo. Proiezioni e incontri sulle rotte dei migranti – II edizione“, ideata e realizzata dal Circolo del Cinema Laboratorio Ventotto e dall’Associazione Terra con il finanziamento della Regione Sardegna – Assessorato alla pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport – Contributi per la promozione della cultura cinematografica. L.R. 15/2006 – art. 15 / annualità 2015.

Chi sono i curdi? Qual è la storia del popolo che sta resistendo all’ISIS ed è riuscito a liberare Kobane dall’assedio stretto dai soldati del Daesh?

I curdi, popolo fiero e indomito, hanno combattuto per secoli per preservare la propria identità, sfidando la volontà di assimilazione di chi ha cercato di sottometterli, senza riuscirci. Con una popolazione stimata fra i 25 e i 35 milioni di abitanti, i curdi sono oggi il più grande popolo al mondo senza uno Stato. Dal 1923 si dividono fra Turchia, Iraq, Iran e Siria.

Oggi il popolo curdo è al centro dell’attualità: in Turchia si è registrato lo storico successo elettorale dell’Hdp, il partito “delle minoranze”, erede e superamento di una serie di partiti filocurdi, che è riuscito ad entrare in Parlamento, provocando la forte reazione dello Stato turco; in Iraq e in Siria sono le forze a maggioranza curda (peshmerga, Ypg e Ypj) a lottare contro l’avanzata dello Stato Islamico.

In Siria, poco dopo l’inizio della rivoluzione, nel 2012, i curdi hanno creato un’entità autonoma, il Rojava, basata su un contratto sociale estremamente avanzato dal punto di vista del rispetto dei diritti umani, delle donne e delle minoranze. La città di Kobane è stata difesa con coraggio e fierezza dai combattenti curdi e dalle combattenti curde, che hanno resistito all’assedio di Daesh, finendo con il liberarla.

Selene Verri è nata a Milano e vive a Lione, in Francia, dove collabora, tra gli altri, con il canale televisivo internazionale Euronews. Ha lavorato da free lance per Radio Popolare, Avvenire, Avvenimenti, Affari Italiani.

Dal 2002 viaggia regolarmente nel Kurdistan turco. Nel 2010 ha visitato i campi del Pkk – Partito dei Lavoratori del Kurdistan in Iraq, dove ha intervistato il leader militare Murat Karayilan; l’esperienza è stata documentata dal fotografo Giovanni Sacchetti, suo compagno di viaggio, e ha prodotto una mostra (allestita a Lione nel luglio 2014) e un libretto fotografico (Rojbaş – Bienvenue au Kurdistan). Nel 2013 ha ottenuto la menzione “Talenti emergenti” al premio Giornalisti del Mediterraneo per il reportage “Proteggere il patrimonio culturale per salvaguardare il futuro” trasmesso da Euronews.

 Selene Verri_Kobane

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *